A UN PASSO DA TE Io Sakisaka | Recensione

lunedì 2 novembre 2015

A UN PASSO DA TE Io Sakisaka | Recensione


Titolo: A un passo da te
Autore: Io Sakisaka
Editore: Planet Manga
Volumi: 13 (completa)
Prezzo: 4,50€

Trama
La protagonista è Futaba, una ragazza delle medie che odia nella maniera più assoluta i ragazzi. Li trova infatti rozzi, maleducati, combinano solo guai. Tuttavia a scuola c’è un ragazzo, Tanaka, che spicca fra tutti gli altri perché ha dei lineamenti molto fini, raffinati e si comporta in maniera molto gentile. Fra i due nasce subito qualcosa e i due si danno appuntamento al festival estivo, tuttavia Tanaka non si presenta ne all’appuntamento ne nei giorni successivi a scuola perché si è trasferito senza dire niente a nessuno. Gli anni passano e Futaba è al liceo, è molto cambiata rispetto alle medie, cerca di imbruttirsi in tutti i modi possibili in modo da allontanare i ragazzi e avere più amiche. Le ragazze infatti la vedono come una rivale e se Fubata non si comportasse in maniera antifemminile non sarebbero mai diventate sue amiche. Un giorno Futaba scopre che Tanaka frequenta la sua stessa scuola ma anche lui è cambiato molto. 


La mia opinione
Personalmente a me piace questo manga piace moltissimo. Anche se la storia non è molto originale perché si rifà a molti altri shoujo che ho letto, le vicende narrate sono molto reali e verosimili. Molti di noi si possono rivedere sia in Futaba che Tanaka. Mi è piaciuto molto che si parlasse di superficialità. All’inizio i protagonisti sono troppo presi da come vengono visti dagli altri: Futaba si imbruttisce e si abbuffa di cibo per evitare che le altre ragazze la vedano come una rivale, e Tanaka fa lo sbruffone quando invece è molto sensibile e nasconde un passato difficile. Si parla molto di amicizia, di ciò che significhi essere un vero amico. Futaba fa di tutto a discapito della sua personalità per avere attorno a se delle persone che in realtà non la conoscono nemmeno, Tanaka invece ha paura di legarsi troppo a qualcuno per paura di rimanere ferito. Anche i personaggi secondari sono ben caratterizzati e interessanti, hanno caratteri forti e sfaccettati e per questo avrei preferito che avessero più spazio all’interno della storia, soprattutto per quanto riguarda Murao, uno dei miei personaggi preferiti. I disegni poi sono bellissimi, le linee sono morbide e i personaggi sono ben definiti e riconoscibili. E' sicuramente uno degli shoujo più belli che io abbia letto quest'anno, assolutamente consigliato se vi piace il genere o se siete alla ricerca di una storia dolce ma abbastanza realistica.