The Wicked + the Divine 1 | Recensione

lunedì 17 aprile 2017

The Wicked + the Divine 1 | Recensione

Autori: Gillen, McKelvin, Wilson, Cowles
Editore: Bao Publishing
Pagine: 176
Prezzo: €19,00

Trama
Ogni 90 anni 12 divinità si reincarnano in esseri umani. Queste divinità diventano famose, vengono adorate e venerate, per poi morire dopo due anni. Il ciclo si ripete dall’inizio dei tempi.

La mia opinione
Date le premesse, ero molto incuriosita da questo fumetto ma probabilmente non mi sarei mai decisa a leggerlo se non me lo avessero inviato per un semplice motivo: non mi piacciono molto i fumetti americani, soprattutto quelli che ricordano l'"universo supereroi". Alla base del fumetto c'è il collegamento fra popstar e divinità, un punto di partenza per me molto interessante nonostante non sia una fan accanita. I disegni sono molto belli, i personaggi vengono raffigurati come belli e dannati e il loro look è curato nei minimi dettagli. I colori sono vivaci, pop e ogni personaggio è ben caratterizzato, rispecchia bene il proprio genere musicale e/o il dio di cui è l'incarnazione. Questo fumetto indaga la celebrità, le conseguenze della popolarità, i fan e tutto il mondo che c'è attorno. Non ho apprezzato la protagonista Laura che è il filo conduttore fra queste nuove divinità e che, in confronto a loro, manca totalmente di personalità, è insipida. Incarna lo stereotipo dell'adolescente un po' ribelle con un rapporto difficile con i genitori ma non si capisce realmente chi sia. È inoltre succube dei suoi idoli e infatti all'inizio si avvicina a queste divinità per diventare una di esse.
La storia di questo primo volume si presenta come una grande premessa in cui, in sostanza, non accade nulla; ho fatto molta fatica a seguire la storia ma sono rimasta colpita dal finale, totalmente inaspettato. È un fumetto attuale con un fortissimo legame con la musica ma non è riuscito a incuriosirmi abbastanza da farmi dire "non vedo l'ora di leggere il prossimo numero".
Voi lo avete letto? Cosa ne pensate?
Doni 💭🌸