Chibiistheway

giovedì 12 febbraio 2015

Golem di LRNZ | Recensione

Pochi giorni fa ho terminato Golem, di LRNZ, una graphic novel a cui mi sono avvicinata più per curiosità che per altro. Raramente leggo qualcosa di italiano, non per pregiudizio, ma perché solitamente non soddisfano i miei gusti. Quest'opera è stata una sorpresa, la storia in sé non è originale ma il modo in cui viene raccontata mi ha colpita molto. Disegni futuristici per un'Italia del 2030, una storia distopica ricercata e con continui riferimenti. Super consigliata!


GolemGolem by LRNZ
My rating: 4 of 5 stars

Davvero sorprendente!! Golem è una critica alle moderne democrazie ma non si ferma alla sola politica, parla anche di libertà e di sogni. Un'opera studiata nei minimi dettagli e con continui riferimenti ad altri autori occidentali e giapponesi (come Miyazaki e Urasawa). Visivamente uno spettacolo. Avrei preferito una migliore caratterizzazione dei personaggi, soprattutto del protagonista, ma a parte questo non ho nulla da rimproverare. Super consigliato, io sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo autore italiano

View all my reviews

venerdì 6 febbraio 2015

Cuscino gatto | DIY


Ispirazione felina oggi! Vi mostrerò come realizzare un cuscino a forma di gatto ^^

Occorrente:
Tessuto morbido
ago e filo
forbici
opzionale: colla, occhi/naso per bambole

Ritagliare dal tessuto 4 rettangoli 20x30cm e 2 quadrati 20x20 cm. Su un quadrato comporre la faccia. Io ho ritagliato 2 cerchi per gli occhi e li ho cuciti, ho usato un naso di plastica e cucito 2 linee sotto ogni occhio per fare i baffi.
Ritagliare 4 triangoli per le orecchie (7x5 cm) lasciando un cm di margine sotto; cucire assieme.
Posizionare le orecchie sul quadrato/viso con le punte verso il basso, sovrapporre un rettangolo e cucire. Posizionare un altro rettangolo su un altro lato del quadrato e cucire. Ripetere per i rimanenti lati.


Ritagliare 2 sagome per la coda, cucire assieme e posizionarla su un rettangolo, sovrapporre il quadrato rimanente e cucire. Cucire insieme i lati dei rettangoli. Cucire anche i lati del quadrato, lasciando un foro per poter risvoltare e imbottire


Una volta terminata l'imbottitura, cucire il foro rimasto ed ecco il nostro cuscino terminato! :)


martedì 3 febbraio 2015

OOTD | Fashion


Ultimamente cerco di curare di più il mio look, ecco uno dei miei ultimi abbinamenti che adoro, perché unisce il formale al casual ^^


Blazer - Gas Jeans
Camicia - H&M
Jeans - Up Jeans
Stivali - Stradivarius
Sciarpa - H&M


~Chibiistheway

lunedì 2 febbraio 2015

Hunger Games TAG | Chibiistheway


Non so esattamente perché, ma ultimamente mi sono trovata a ripensare tanto a Hunger Games e, non avendo nessuno con cui parlarne, ho deciso di fare questo tag sulla trilogia :)

.Qual è il tuo libro preferito della trilogia?
Direi il secondo, "La ragazza di fuoco", perché il rapporto fra Katniss e Peeta evolve, si scoprono nuovi lati delle loro personalità e poi ci sono i giochi della memoria ^^

.Quanto dureresti nell'arena?
Hehe, niente!! Di sicuro non sarei la prima a morire perché fuggirei, ma prima o poi temo che qualcuno mi troverebbe. E io non sono per niente intrepida né avrei il coraggio di uccidere qualcun altro.

.Come ti sei avvicinata al mondo di Hunger Games?
Storia molto complicata! In poche parole avevo guardato il primo film in dvd e non mi era particolarmente piaciuto, poi ho guardato il secondo film e lì mi è scattato qualcosa. Rimasi davvero sconvolta perché non si sapeva niente di Peeta e di cosa gli fosse successo, così, anche se stavo preparando la tesi, mi misi a leggere tutti e 3 i libri, per finirli in 4-5 giorni...

.Momento preferito?
Ce ne sono tanti, uno che ricordo con più tenerezza è la "dichiarazione" di Peeta, ovvero quando racconta a Katniss di averla sempre amata, fin da scuola.

.Qual è il tuo personaggio preferito?
Penso si sia capito: PEETA! Non solo mi rispecchio per il carattere, i principi e il modo di fare, ma è anche un ragazzo estremamente altruista e dolce. Penso di non essermi mai affezionata così tanto a un personaggio.

.In quale distretto vivresti?
Assolutamente nel 4, il distretto dell'acqua e della pesca! Io adoro nuotare, mi piacciono i pesci e ho studiato Acquacoltura, sarebbe un paradiso :)

.Qual è stato il momento più emozionante?
La fine, perché ci sono arrivata con tanti sentimenti diversi, è stato il concludersi di un ciclo molto intenso e combattuto per me. Riassumerei tutto nella mia frase preferita: "Tu mi ami, vero o falso?"

.Quale oggetto da casa ti porteresti come portafortuna?
Forse uno dei miei mici in feltro, per avere qualcosa di carino e soffice da stringere nei momenti più duri.

.Qual è stato il piano più malvagio del libro?
Decisamente l'aver manipolato i pensieri e i ricordi di Peeta. Quando sono arrivata a quel punto del libro, l'ho chiuso e ho sofferto molto, non volevo accettarlo perché era l'unica che Peeta non voleva. E' stata dura continuare da quel punto in poi.

.Qual è il tuo villain preferito?
Non so quanto possa essere definito malvagio, ma Seneca Crane ha permesso a Katniss e Peeta di vincere insieme di Hunger Games, è grazie a lui che tutto è stato possibile ♡

~Chibiistheway

venerdì 30 gennaio 2015

Origami bookmark | DIY


Oggi per caso, ho notato quanto in realtà sia utile avere a portata di mano un segnalibro, così mi è venuto in mente di realizzare un tutorial per condividere qualche idea con voi ;)

Materiali:
fogli di carta 10x10cm
forbici
colla
penna

Prendendo un foglio, piegare nel seguente modo (per una migliore guida guardare il video:http://youtu.be/Jh5fxRIavQQ ).


Per decorare il segnalibro potete ritagliare triangoli più piccoli in cui scrivere o disegnare qualcosa, o stampare una immagine a scelta, ritagliarla a triangolo e incollarla sul segnalibro. Super facile ma unico, ci sono infinite possibilità! Potete anche scegliere di utilizzare della carta già decorata, io ad esempio ho stampato degli sfondi e utilizzato quelli al posto di un comune foglio.



Io ho stampato queste 2 immagini e poi ritagliate a triangolo (7cmx3,5cm)





Questo tipo di segnalibro si collega agli angoli della pagina (superiore o inferiore), non occupa spazio, non sporge ma vi permette di accedere immediatamente alla pagina marcata.
Spero che vi possa essere utile questo tutorial ^^


giovedì 15 gennaio 2015

Baymax Portachiavi | DIY


Ho adorato Big Hero 6 e quindi ho deciso di realizzare qualcosa inerente al cartone. E cosa potevo fare se non Baymax? Ecco un facile tutorial per realizzare un portachiavi:

Materiali:
Panno lenci nero e bianco
Filo nero e grigio
Ago
Forbici
Colla
Materiale per imbottire
Filo elastico
Moschettone 

Dal template qua sotto, ritagliate dal panno lenci bianco due sagome corpo e da quello nero 2 cerchi per gli occhi. Incollate gli occhi e cucite, con il filo nero, i bordi interni di braccia e gambe (linee tratteggiate nel template qua sotto). Cucite una linea anche fra gli occhi.
Con il filo grigio, cucite lo sportellino di Baymax, prendendo come esempio la figura qua sotto.


Cucite assieme le due parti del corpo utilizzando del filo nero per marcare, ricordando di aggiungere un po' di imbottitura prima di terminare. Per rendere il nostro Baymax un portachiavi, ritagliate della lunghezza desiderata il filo elastico, inserite il moschettone e cucite il filo nella parte alta di Baymax. Ed ecco fatto!! Spero vi piaccia :)




sabato 10 gennaio 2015

Chibi legge.. Blankets!


Oggi voglio parlarvi di Blankets, una graphic novel di Craig Thompson.All’inizio ero un po’ spaventata nell'affrontare questa lettura, sia per la dimensione (quasi 600 pagine) che per i temi trattati. Ma ero molto incuriosita perché è un genere diverso da quello che di solito prediligo (ovvero fantasy o giallo). Blankets infatti tratta argomenti importanti come la religione, il sesso, l’amore e la vita adulta. Il protagonista della storia è l’autore stesso: Craig. Lui cresce in una famiglia molto religiosa e rigida. Il padre, infatti, punisce spesso lui e il fratellino e sono rabbrividita quando l’ha costretto a dormire in uno stanzino che, agli occhi dei 2 bambini, appariva come la stanza dell’inferno. La vita di Craig è piena di momenti tristi e di tanto silenzio, cresce come un disadattato, non sa qual è il suo posto nel mondo e non riesce a integrarsi con gli altri coetanei. 
Una cosa che mi ha molto colpito è il modo di raccontare la storia, sembra proprio di rivivere le angosce dell’autore. La religione lo accompagna per tutta la vita e spesso Craig si domanda cosa sia giusto e cosa peccato, mette spesso in discussione la propria fede. Ha tanta voglia di capire e di conoscere, legge spesso la bibbia e annota i passi che non comprende o che risultano poco chiari.Durante un campo religioso incontra Raina. Lei diventa subito la sua musa ispiratrice perché rappresenta tutto quello che lui non è, ma soprattutto la novità. Con lei infatti sperimenta cos’è l’amore. La loro storia d’amore non è come tutte quelle raccontate nei romanzi, si prende i tuoi tempi, non è frettolosa e avida, è tenera e candida, come la neve che spesso avvolge le vignette. 
La storia in se’ non ha nulla di speciale, è una semplice storia autobiografica, ma il fatto che venga raccontata nella sua semplicità e senza pretese, la rende speciale. E’ facile rispecchiarsi nel protagonista, tutti noi abbiamo affrontato le varie fasi dell’innamoramento, tutti noi dobbiamo crescere e porci domande sulla nostra esistenza.Ultima curiosità: l’opera nasce dall’idea di descrivere come ci si sente nel dormire vicino a qualcuno per la prima volta. E penso che ci sia riuscito, in un punto in particolare, dove i loro corpi sembrano uno e i pensieri di uno finiscono con quelli dell’altro, in un’armonia perfetta.

Vi straconsiglio quest'opera, non vi deluderà!
Lascio qua sotto il mio video, più completo sull'opera.




~Chibiistheway